La Via Lattea 5

Autori

Claude Debussy

Anna Keller

Si forma in Francia al “Centre de Danse International Rosella Hightower” di Cannes, dove studia danza classica, danza moderna (Graham), jazz (Mattox), flamenco e arte drammatica. Nel 1987 è ballerina solista nella compagnia “Lucine Jazz Dance Company”, con la quale compie tournées in Francia, Italia, e Stati Uniti. Dal 1991 al 1993 soggiorna a New York dove, grazie ad una borsa di studio, può dedicarsi allo studio della danza moderna e contemporanea approfondendo le sue conoscenze nelle tecniche Horton e Limon. A New York ha inizio la sua attività di coreografa e nel 1992 crea due lavori, “Aspects” e “The Dragon Tail”, che vengono presentati al City Center, nella sede del Ballet Arts di New York. Nel 1994, rientrata in Ticino, partecipa alla rassegna di danza di Chiasso con il suo terzo lavoro coreografico “Prove in Scena”. Nel 1997 fonda Spazio Danza, dove si occupa dell’insegnamento della danza moderna. Nel 1998 inizia con il sassofonista Dario Nazzari un lavoro di ricerca basato sull’improvvisazione. Insieme si sono esibiti in alcune performance, partecipando anche alla rassegna “Jazz in Dübendorf”.
 

Valerio Magrelli

Nato a Roma nel 1957, ha pubblicato quattro raccolte di versi. Le prime tre (Ora serrata retinae, Feltrinelli L980, Nature e venature, Mondadori 1987, Esercizi di tiptologia Mondadori 1992), sono state riunite nel volume Poesie e altre poesie (Einaudi 1996), cui ha fatto seguito il poemetto Didascalie per la lettura di un giornale (Einaudi 1999). Sempre da Einaudi, nel 2003, sono uscite le prose intitolate Nel condominio di carne.
Docente di letteratura francese all'Università di Cassino, ha diretto la collana di poesia "La Fenice" Guanda e la serie trilingue "Scrittori tradotti da scrittori" Einaudi (Premio Nazionale per la Traduzione 1996), Tra i suoi lavori critici, Profilo del Dada (Lucarini 1990), La casa del pensiero. Introduzione a Joseph Joubert (Pacini 1995) e Vedersi vedersi. Modelli e circuiti visivi nell'opera di PauI Valhy (Einaudi 2002, L' Harmattan 2005) .
Ha composto due testi per il teatro. Il primo, Perso per perso, è stato messo in scena da Giorgio Barberio Corsetti nel 1986,nell'ambito del Festival di Villa Medici a Roma, e rielaborato dieci anni dopo da Guido Baggiani, in un madrigale a sei voci rappresentato da Giorgio Pressburger al Piccolo del Comunale di Firenze. Il secondo, Butroto, è andato in scena a Roma nel 2004, con la regia di Piero Maccarinelli, nel quadro delle "Notti bianche".
Nel 2002, I'Accademia Nazionale dei Lincei gli ha attribuito il Premio Feltrinelli per la poesia italiana.

(Fotografia © Bruna Ginammi)
 

Olivier Messiaen

Mario Pagliarani

Mendrisio, 1963. Studi di composizione, violoncello e musica elettronica al Conservatorio di Milano. Incontri fondamentali con Salvatore Sciarrino e Gérard Grisey. Alcuni premi internazionali: Tribune internazionale des compositeurs dell’UNESCO di Parigi, nel 1992 (Lucciole o imperi per voce e orchestra su testi di Jorge Luis Borges) e nel 1996 (Pierrot lunatique per voce e cinque strumenti), Concurso de obras musicales para Radio di Madrid, nel 1995 (Cappuccetto rosso Hörspiel). Varie commissioni (Pro Helvetia, Radio Svizzera, Festival di Lucerna, Orchestre de la Suisse Romande, Europäischen Musikmonat, Les Amplitudes…). Esecuzioni in Svizzera e all’estero (Ginevra, Parigi, Amsterdam, Roma, Tokio, Mosca, Bahia…). Nel 2000 fonda il Teatro del Tempo con cui realizza vari progetti di teatro musicale (Il suono bianco dell’inverno, Opera della notte, Quartetto per la fine del tempo, Antons Tod, I bei momenti…). Nel 2002 esce un cd monografico nella collana Musikszene Schweiz. Dal 2003 è ideatore de La Via Lattea, pellegrinaggio fra le arti che si avvia alla quinta edizione. Collabora con la Radio svizzera di lingua italiana. Vive e lavora a Vacallo.
 

Pier Paolo Pasolini

Mathias Steinauer

É nato a Basilea nel 1959. Si è diplomato in pianoforte, teoria e composizione musicale presso la Musik-Akademie di Basilea con Peter Efler, Robert Suter e Roland Moser. Ha in seguito proseguito la sua formazione a Budapest con György Kurtàg.
Le sue opere sono state eseguite in molti Paesi d’Europa, in Russia, Azerbaigian, Brasile, Cina, Stati Uniti e Giappone. La sua produzione artistica comprende opere per orchestra, concerti per strumenti solisti, musica vocale e composizioni per diverse formazioni cameristiche.
È docente di teoria, composizione e musica contemporanea alla «Zürcher Hochschule der Künste».
Nel 2004 è direttore artistico del festival World New Music Days 2004 (giornate mondiali di musica contemporanea in Svizzera). Suoi CD sono stati pubblicati da Altrisuoni e Grammont. Mathias Steinauer è uno degli entusiasti organizzatori di OggiMusica e vive in Ticino.
 

Karlheinz Stockhausen

 

Interpreti

PRIMO MOVIMENTO

Stefano Nozzoli, pianoforte

Diplomato in pianoforte con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “G. F. Ghedini” di Cuneo sotto la guida di Roberto Stefanoni ed Emma Maria Miliardi, ha contemporaneamente intrapreso gli studi di composizione con Carlo Mosso, diplomandosi a pieni voti al Conservatorio “G. Verdi” di Torino. Ha seguito corsi di perfezionamento con Franco Donatoni e con Bruno Canino rispettivamente presso l’ “Accademia Internazionale Superiore di Musica Perosi” di Biella e l’ “Accademia Marziali” di Seveso ove attualmente insegna  pianoforte e armonia. E’ attivo in qualità di pianista e compositore in originali produzioni a cavallo tra Musica e Teatro che vedono la collaborazione di artisti quali: Mario Brunello, Moni Ovadia, Renato Rivolta, Sandro Gorli e Divertimento Ensemble, Andrea Taddei, Mauro Ermanno Giovanardi (La Crus). Nell’estate del 2002 partecipa ai corsi tenuti da Karlheinz Stockhausen e viene scelto per eseguire in concerto il Klavierstuck XII (EXAMEN) tratto dall’opera DONNERSTAG AUS LICHT, il compositore stesso alla regia del suono, nella “Sulzhalle”
di Kurten (Colonia). L’anno successivo vince il 1° Premio d’interpretazione allo “Stockhausen Festival” con l’esecuzione di “3X REFRAIN 2000”.
 

Michele Marelli, clarinetto

Alessandria, 1978. Avviato in tenera età allo studio del pianoforte, scopre ben presto la passione per il clarinetto, diplomandosi a 19 anni con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del Prof. Giacomo Soave, presso il Conservatorio "A. Vivaldi" di Alessandria. Fortemente impegnato nell’interpretazione del repertorio classico, si perfeziona in Inghilterra con il Maestro Alan Hacker, pioniere delle tecniche del clarinetto d’ avanguardia e dei clarinetti antichi che lo definirà “il più talentuoso e naturale” dei suoi allievi.  “Very gifted” secondo Karlheinz Stockhausen “an absolute genius” secondo Suzanne Stephens, diventa assistente alla classe di clarinetto presso gli Stockhausen Kurse Kuerten dove vince per ben cinque volte il premio per la migliore performance direttamente dalle mani del compositore. Vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali: nel 2001 l' Honorary Logos Award, presso la Logos Foundation per la musica contemporanea di Gent (Belgio), nel 2004 il Primo Premio Assoluto del prestigioso “Krzysztof Penderecki International Competition” di Cracovia, nel 2007 il secondo premio alla trentesima edizione del Concorso Internazionale "VALENTINO BUCCHI" di Roma.
 

Rudy Bächtold, relatore de Il canto degli uccelli. Tra musica e linguaggio.

Nato a Chiasso nel 1950. Studi commerciali. Attivo in vari istituti finanziari ticinesi quale consulente alla clientela fino al 1989. Amante e difensore della natura, con un debole per l’avifauna,  partecipa già negli anni 70, in qualità di volontario, ai lavori di  comitato di Pro Natura e successivamente del WWF Svizzera italiana. Impegno che nel 1989 gli permette di entrare a far parte dello staff professionale del WWF Svizzera, all’interno del quale riveste, a tutt’oggi, il ruolo di direttore della sede di Bellinzona.

 

SECONDO MOVIMENTO

Michele Marelli, clarinetto e corno di bassetto

Alessandria, 1978. Avviato in tenera età allo studio del pianoforte, scopre ben presto la passione per il clarinetto, diplomandosi a 19 anni con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del Prof. Giacomo Soave, presso il Conservatorio "A. Vivaldi" di Alessandria. Fortemente impegnato nell’interpretazione del repertorio classico, si perfeziona in Inghilterra con il Maestro Alan Hacker, pioniere delle tecniche del clarinetto d’ avanguardia e dei clarinetti antichi che lo definirà “il più talentuoso e naturale” dei suoi allievi.  “Very gifted” secondo Karlheinz Stockhausen “an absolute genius” secondo Suzanne Stephens, diventa assistente alla classe di clarinetto presso gli Stockhausen Kurse Kuerten dove vince per ben cinque volte il premio per la migliore performance direttamente dalle mani del compositore. Vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali: nel 2001 l' Honorary Logos Award, presso la Logos Foundation per la musica contemporanea di Gent (Belgio), nel 2004 il Primo Premio Assoluto del prestigioso “Krzysztof Penderecki International Competition” di Cracovia, nel 2007 il secondo premio alla trentesima edizione del Concorso Internazionale "VALENTINO BUCCHI" di Roma.
 

Luca Congedo, percussioni

Nasce a Legnano (Mi) nel 1977.
Studia percussioni presso la Musikhochschule della  Svizzera Italiana a Lugano diplomandosi sotto la guida dei professori M. Ardeleanu e B.Wulff e Cymbalon presso il Conservatoire National de Strasburg con il professore L. Gaggero.
Contemporaneamente si avvicina allo studio dell’elettronica applicandola alla percussione realizzando nuove opere di autori come Stockhausen e Bussotti. Vincitore di premi internazionali quali “Stipendienpreise 2002 Darmstadt”; “Stockhausen preise 2005”; “Stockhausen preise 2006”, suona per differenti Festival,Teatri, Televisioni e Radio come:
International Ferienkurse für Neue Musik Darmstadt; New World Music Days; Progetto Martha Argerich; Radio della Svizzera Italiana, Odessa Festival(Ucraina)…
 

Fabrizio Rosso, regia del suono

Nato a Torino nel 1969, ha studiato pianoforte al Conservatorio della sua città, in seguito a Zurigo con H.Francesch e a Lugano con N. Doallo. Parallelamente ha studiato filosofia presso l’Università di Torino e si è dedicato alla composizione, studiando a Milano con B. Zanolini. Dal 1998 è presente ai seminari di K. Stockhausen a Kürten (Colonia) sia come compositore che come interprete, dove nel 2001 ha ottenuto il Premio Speciale per l’esecuzione di Mantra e nel 2003 il Primo Premio per l’esecuzione di Refrain.
Svolge attività concertistica come solista e in varie formazioni cameristiche ed ensemble. Attualmente è attivo presso il Conservatorio della Svizzera Italiana come pianista delle classi della cantante Luisa Castellani e del percussionista Mircea Ardeleanu; nella stessa sede tiene un seminario sul repertorio pianistico contemporaneo e un seminario sulla pratica del sintetizzatore. L’interesse per la musica elettronica lo vede impegnato da vari anni anche come regista del suono.

 

Ensemble de percussion du Conservatoire Neuchâtelois:

Pascal Pons, coordinazione

È nato a Nizza nel 1968. Studi al Conservatorio Nazionale di Regione a Nizza con Rodolphe Palombo e a Versailles con Sylvio Gualda. Diploma di solista alla Musikhochschule di Freiburg con Bernhardt Wulff. La sua attività di solista lo ha condotto attraverso l’Europa e in paesi come Ucraina, Mongolia, Argentina, Uruguay e Taiwan. Pascal Pons è membro dell’Ensemble Surplus e collabora regolarmente con Ensemble Modern,Klangforum, musikFabrik e Kammerensemble für Neue Musik Berlin. Dal 2005 è professore di percussione al Conservatoire des hautes études musicales in Neuchâtel/La Chaux-de-Fonds e dal 1996 è docente di vibrafono e marimba alla Musikhochschule di Freiburg.
 

Jérôme Lepetit, tamtam
Serge Vuille, tamtam
Julien Annoni, microfoni
Olivier Stritt, microfoni
Laurence Gogniat, filtri
Cécile Tinguely, filtri

 

TERZO MOVIMENTO

Valerio Magrelli, lettore

Nato a Roma nel 1957, ha pubblicato quattro raccolte di versi. Le prime tre (Ora serrata retinae, Feltrinelli L980, Nature e venature, Mondadori 1987, Esercizi di tiptologia Mondadori 1992), sono state riunite nel volume Poesie e altre poesie (Einaudi 1996), cui ha fatto seguito il poemetto Didascalie per la lettura di un giornale (Einaudi 1999). Sempre da Einaudi, nel 2003, sono uscite le prose intitolate Nel condominio di carne.
Docente di letteratura francese all'Università di Cassino, ha diretto la collana di poesia "La Fenice" Guanda e la serie trilingue "Scrittori tradotti da scrittori" Einaudi (Premio Nazionale per la Traduzione 1996), Tra i suoi lavori critici, Profilo del Dada (Lucarini 1990), La casa del pensiero. Introduzione a Joseph Joubert (Pacini 1995) e Vedersi vedersi. Modelli e circuiti visivi nell'opera di PauI Valhy (Einaudi 2002, L' Harmattan 2005) .
Ha composto due testi per il teatro. Il primo, Perso per perso, è stato messo in scena da Giorgio Barberio Corsetti nel 1986,nell'ambito del Festival di Villa Medici a Roma, e rielaborato dieci anni dopo da Guido Baggiani, in un madrigale a sei voci rappresentato da Giorgio Pressburger al Piccolo del Comunale di Firenze. Il secondo, Butroto, è andato in scena a Roma nel 2004, con la regia di Piero Maccarinelli, nel quadro delle "Notti bianche".
Nel 2002, I'Accademia Nazionale dei Lincei gli ha attribuito il Premio Feltrinelli per la poesia italiana.

(Fotografia © Bruna Ginammi)
 

Anna Keller, danzatrice

Si forma in Francia al “Centre de Danse International Rosella Hightower” di Cannes, dove studia danza classica, danza moderna (Graham), jazz (Mattox), flamenco e arte drammatica. Nel 1987 è ballerina solista nella compagnia “Lucine Jazz Dance Company”, con la quale compie tournées in Francia, Italia, e Stati Uniti. Dal 1991 al 1993 soggiorna a New York dove, grazie ad una borsa di studio, può dedicarsi allo studio della danza moderna e contemporanea approfondendo le sue conoscenze nelle tecniche Horton e Limon. A New York ha inizio la sua attività di coreografa e nel 1992 crea due lavori, “Aspects” e “The Dragon Tail”, che vengono presentati al City Center, nella sede del Ballet Arts di New York. Nel 1994, rientrata in Ticino, partecipa alla rassegna di danza di Chiasso con il suo terzo lavoro coreografico “Prove in Scena”. Nel 1997 fonda Spazio Danza, dove si occupa dell’insegnamento della danza moderna. Nel 1998 inizia con il sassofonista Dario Nazzari un lavoro di ricerca basato sull’improvvisazione. Insieme si sono esibiti in alcune performance, partecipando anche alla rassegna “Jazz in Dübendorf”.
 

Elisabeth Gillming, soprano

Francese di nascita, ha studiato canto al Conservatorio Nazionale della Regione di Strasburgo con Malcolm Walker.
In seguito si è perfezionata con Gilles Cachemaille alla Scuola Universitaria di Musica di Ginevra. Attualmente, per coltivare il suo interesse per la musica moderna, è iscritta alla classe di perfezionamento di canto di Luisa Castellani al Conservatorio della Svizzera Italiana.
Ha inoltre seguito e concluso un master in musicologia all’Università di Oxford, Inghilterra e si è perfezionata con Edda Moser, Ruben Lifschitz, Barthold Kuijken, William Christie.
Ha interpretato il ruolo di Zerlina nel Don Giovanni di W.A. Mozart con l’Oxford City Orchestra e ha cantato come soprano nel «Davide Penitente» e nel «Requiem» di Mozart.
Appassionata del repertorio contemporaneo, ha cantato nel Pierrot Lunaire di A. Schönberg sotto la guida di Kaspar Zehnder e nel ruolo n° 1 di Transformations di Konrad Susa al teatro di Losanna.
Ha cantato Altenberglieder di A.Berg sotto la guida di Giorgio Bernasconi.
Attualmente fa parte del coro del Grand Théâtre di Ginevra.
 

Lello Narcisi, flauto

Nato nel 1980, si è diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio Piccinni di Monopoli sotto la guida di A. Ragno.Successivamente ha studiato al Conservatorio di Lugano conseguendo il diploma
universitario in pedagogia musicale e  sotto la guida di M.Ancillotti, il diploma di perfezionamento e quello di solista.
Si è esibito come solista con l’Orchestra della RSI di Lugano e collabora in qualità di primo flauto e solista con l’Orchestra della Società dei Concerti di Bari (già orchestra del Teatro Petruzzelli dal1985).In ambito cameristico e con l’Accademia Gustav Mahler, ha collaborato con prime parti di illustri orchestre quali: Teatro alla Scala, Orchestre de Paris, Berliner Philarmoniker,Radio France ecc. E' docente di flauto presso l' Accademia Vivaldi di Locarno.
 

Elide Garbani Nerini, flauto in eco

Studentessa al liceo Cantonale di Bellinzona, nata nel 1990, ha iniziato a 7 anni lo studio del pianoforte presso l´Accademia Vivaldi con M. Fedrigotti , passando in seguito alla classe di F. Rivabene con la quale studia attualmente. Nel 2004 si è avvicinata al flauto traverso studiando con F.Dellea e proseguendo due anni più tardi con L. Narcisi, suo attuale insegnante. Come pianista e come flautista ha già esperienze solistiche, di musica da camera e d’orchestra.
 

Lia Previtali, viola

Si è diplomata al conservatorio “G.Verdi” di Milano nel 2000.
É stata dal 1999 al 2001 prima viola dell’Orchestra Sinfonica Svizzera della Gioventù.
Dall’ottobre 2001 ha collaborato con l’Orchestra della Svizzera Italiana.
Nel giugno 2002 ha conseguito nella classe di Wolfram Christ, presso il Conservatorio della Svizzera Italiana, il diploma di perfezionamento e il diploma di pedagogia e didattica.
Nel 2003 ha vinto una borsa di studio ed ha frequentato il San Francisco Conservatory of Music (California – Usa) conseguendo nel maggio 2004 il Professional Studies Diploma in Instrumental Performance sotto la guida della prof.ssa Jodi Levitz e del prof. Sadao Harada per la musica da camera.
Dal 2002 al 2004 ha compiuto diverse tournée in Europa ed in Giappone con la Gustav Mahler Jugend Orchester suonando con i Maestri Claudio Abbado e Pierre Boulez.
Dal gennaio 2005, dopo aver vinto il concorso di seconda viola, fa
parte dell'Orchestra del Teatro del Maggio Musicale di Firenze 
(dir. M° Zubin Metha). Collabora con l’orchestra del “Gran Teatro La Fenice”di Venezia in qualità di prima viola.
 

Arianna Camani, arpa

Inizia lo studio dell’arpa all’Accademia di Musica di Lugano nel 1987. Nel 1991/92 studia per un semestre al conservatorio di Victoria/Canada. Dopo la maturità si trasferisce a Basilea per lo studio professionale. Nel 1998 consegue il diploma d’insegnante, due anni dopo quello di perfezionamento. Dà concerti sia come solista che con diverse formazioni di musica da camera in Svizzera e in Germania, ed è arpista stabile dell’orchestra basel sinfonietta. Inoltre insegna arpa classica e arpa celtica al conservatorio di Winterthur e alla scuola di musica del Leimental solettese.
 

Carmine Palermo, pianoforte

Inizia a suonare il pianoforte a Lugano con Diva Biaggi e André Ducommun. Continua gli studi presso il Conservatorio della Svizzera italiana dapprima con Patricia Pagny ed in seguito nella classe  di  Mauro Harsch che lo accompagna fino al diploma di insegnante.
Nel 1999 si trasferisce a Sydney e si perfeziona all’Australian Institute of Music sotto la guida di Viktor Makarov, esibendosi in recital e musica da camera.
Dal 2002  partecipa regolarmente alle rassegne musicali di Musica nel Mendrisiotto in duo pianistico con Alessandro D’Onofrio.
Nel 2006, sempre in sua compagnia, ha suonato alla RSI per la stagione Novecento e presente.
Attualmente insegna pianoforte presso la Scuola di musica del Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano.

 

Nicola De Vita, logistica

Operatore audio nell’allestimento di impianti fissi e temporanei. Elettricista in allestimenti di impianti di illuminazione per spettacoli e/o produzioni sport-TV. Musicista nel campo degli spettacoli e dell’insegnamento. Tecnico audio in registrazioni con multi-piste digitali ed analogici. Aiuto scenografo macchinista ed elettricista nel campo teatrale. Ha collaborato con: Teatro Kursaal Locamo, Teatro Sociale Bellinzona, Teatro Cittadella Lugano, Cabaret della Svizzera Italiana.

 

Mario Pagliarani, ideazione e regia

Mendrisio, 1963. Studi di composizione, violoncello e musica elettronica al Conservatorio di Milano. Incontri fondamentali con Salvatore Sciarrino e Gérard Grisey. Alcuni premi internazionali: Tribune internazionale des compositeurs dell’UNESCO di Parigi, nel 1992 (Lucciole o imperi per voce e orchestra su testi di Jorge Luis Borges) e nel 1996 (Pierrot lunatique per voce e cinque strumenti), Concurso de obras musicales para Radio di Madrid, nel 1995 (Cappuccetto rosso Hörspiel). Varie commissioni (Pro Helvetia, Radio Svizzera, Festival di Lucerna, Orchestre de la Suisse Romande, Europäischen Musikmonat, Les Amplitudes…). Esecuzioni in Svizzera e all’estero (Ginevra, Parigi, Amsterdam, Roma, Tokio, Mosca, Bahia…). Nel 2000 fonda il Teatro del Tempo con cui realizza vari progetti di teatro musicale (Il suono bianco dell’inverno, Opera della notte, Quartetto per la fine del tempo, Antons Tod, I bei momenti…). Nel 2002 esce un cd monografico nella collana Musikszene Schweiz. Dal 2003 è ideatore de La Via Lattea, pellegrinaggio fra le arti che si avvia alla quinta edizione. Collabora con la Radio svizzera di lingua italiana. Vive e lavora a Vacallo.


* * * * * * * * * * *

La cartolina de La Via Lattea 5

 

Presentazione

Programma

Le origini de La Via Lattea

 

 

 

Per ulteriori informazioni:

info@teatrodeltempo.ch

tel. + 41 91 683 59 17

Teatro del Tempo
c/o Mario Pagliarani
vicolo dei Lironi 3
CH-6833 Vacallo